I always recommended BlueHost Reviews for my clients. How to find the best web hosting service for business websites.

Congregazione delle Suore ancelle della Chiesa

Stampa

La serva di Dio Madre Maria di Gesù Landi volle le Suore perchè si dedicassero con maggiore libertà ed impegno al servizio del Tempio, dei sacerdoti ed anche ad altre opere caritative laddove veniva richiesto il loro apporto. Le suore nacquero dal gruppo delle Dame dell'Incoronata, signorine che avendo conosciuto la Madre, la seguivano ed erano già avviate alla preghiera e impegnate nel servizio ai poveri e ai più bisognosi. Alcune di dette signorine sentirono di essere chiamate ad una vocazione particolare e si donarono totalmente al Signore con la consacrazione religiosa per servirlo con più fedeltà e amore, con la preghiera più intensa e con un ulteriore servizio ai più bisognosi.

Nel 1934 nacque la Congregazione delle Suore ancelle della Chiesa. Le prime suore prestarono il loro servizio nel seminario di S. Aspreno, compito difficile e delicato all'epoca, perchè la guerra infieriva e i viveri mancavano. Comunque il loro servizio si distinse per il disinteresse e il senso materno con cui veniva assolto e qualche sacerdote, oggi, superstite, le ricorda con affetto e commozione. Seguì l'orfanotrofio "Maria S.S. al Tempio" titolo che ricorda Maria Incoronata del Tempio, e alla stessa maniera le piccole ospiti, disagiate venivano accolte nella sua casa per essere protette dal suo dolce sguardo, e vivere serene alla sua ombra.

Quindi la Scuola Materna, Elementare, Media, questa poi soppressa negli anni "80. Negli anni sessanta a cavallo dei settanta, il Cenacolo non ancora attivo, ospitò il primo gruppo di giovani sacerdoti per la Formazione Pastorale. Al Cenacolo pernottavano e studiavano; dalle suore venivano per il pranzo e per la cena. Poi negli anni ottanta il Cenacolo aprì le porte agli "Unti del Signore" adulti, perchè vi trovassero sollievo, riparo e potessero esercitare il loro apostolato senza ulteriori preoccupazioni, con maggiore zelo. Così via via, il pensiero della Madre Fondatrice si andava evolvendo e radicando profondamente, pur rimanendo a Capodimonte ov'è nata tutta la mole delle opere da lei volute. La Madre Landi pensava a tutto e guardava oltre per cui pensò anche all'Episcopio, sede estiva dell'Arcivescovo di Napoli, o quando ne sentisse la necessità di trovare un luogo ameno e riposante. Nell'87 l'Episcopio accolse S. Eminenza il Cardinale Corrado Ursi, Arciv. Em. e ove tutt'oggi vive, confortato anche dalla presenza delle suore e dal loro umile servizio.

Ora molto avanti negli anni, l'Eminenza continua a vivere all'ombra di Maria del Buon Consiglio e prega, è un faro di luce sulla bella e incantevole collina di Capodimonte, si potrebbe dire un altro Mosè con le braccia sempre aperte a tutti e per tutta Napoli. Lo stesso Card. Ursi fece ristrutturare all'epoca, un appartamento al primo piano dell'Episcopio per la Formazione Pastorale dei giovani sacerdoti. E nell'87 ospitò il primo gruppo di giovani sacerdoti; poi ci fu una pausa un pò lunga e dall'anno 2001 l'attività è stata ripristinata e attualmente vi sono ospitati dieci sacerdoti giovanissimi vivaci e gioiosi guidati da Mons. Antonio D'Urso. Pertanto le suore ancelle della Choesa, per carenza di vocazioni, hanno dovuto accettare, da loro richiesta, la fusione con le suore francescane dei SS. Cuori con Casa madre in Capua per la continuazione delle opere. Dopola fusione è sorta una "Casa Famiglia" centro di prima accoglilenza per bambini disadattati e siamo ritornate così al punto di partenza.

Poi a novembre del 2000 venne in Basilica il nuovo Rettore, il Rev.do Don Enzo Vollero e la Basilica a dir poco ha ripreso il suo vero volto, così com'era nel pensiero della Madre Landi, che voleva sempre "il più bello" per la Reggia della Madonna, non curante delle spese perchè lei diceva: "ci pensa la Madonna, il Tempio se lo fa la Madonna". e così è stato. E si lavora in umiltà di intenti, con tanta serenità e tranquillità.

Sr. Maria Pia